Ad oggi il marmo è uno di quei materiali che possiamo definire senza tempo. Termine che gli viene attribuito grazie alla sua tonalità elegante e mai banale, al suo aspetto impeccabile e alle sue venature perfette.
La bellezza sia alla vista che al tatto rende un materiale come il marmo, uno dei più utilizzati sia nei luoghi di lusso come hotel, uffici o ristoranti, ma anche all'interno delle abitazioni, in cucine, sale da pranzo e anche nelle camere da letto dei più abbienti.
Vediamo un po' perché questo materiale è così speciale ed affascinate e da dove nasce.
Il marmo si crea attraverso un processo naturale delle rocce di tipo sedimentario, detto processo metamorfico. I bellissimi colori delle sue venature infatti, derivano dai colori casuali che si generano all'interno del processo.
Questo prezioso materiale, il marmo, ha una tonalità lucente che lo rende diverso da tutti gli altri materiali dello stesso genere presenti sul mercato. Lo rendono un materiale pregiato e raro, molto complicato da lavorare.
Il composto nato dal processo metamorfico rende il materiale robusto e resistente, e soprattutto sempre lucente.
Però ciò che rende il marmo sempre splendente e così bello, anche dopo anni, è la sua lavorazione. Infatti questo materiale pregiato ha bisogno di essere curato con i giusti accorgimenti e strumenti. Proprio per questo è sempre consigliato fare delle manutenzioni straordinarie e prendersi cura quotidianamente del marmo, con piccoli accorgimenti come quello della pulizia della sua superficie, togliendo la polvere fermatasi. E bisogna utilizzare sempre prodotti adatti a questo materiale, senza improvvisare con strumenti ipoteticamente idonei o rimedi della nonna. Bisognerà accertarsi di utilizzare prodotti antimacchia giusti, come quelli per lucidare il materiale.


L'utilizzo errato di strumenti e materiali potrebbe compromettere la bellezza del marmo e rovinarlo quotidianamente, fino al suo deterioramento.
Quindi in questo breve articolo vedremo qualche informazione utile per prendersi cura e lavorare il marmo in modo efficace. Capiremo quali abrasivi manuali utilizzare e quali sono i più indicati per non rovinare il materiale.

Per lucidare alla perfezione il marmo, senza privarlo dei suoi colori naturali, o per rendere il materiale nuovamente lucente dopo qualche segno di usura sono indicati dei dischi di tipo diamantato, specifici per la lavorazione di superfici, utilizzati per una lucidatura generalmente professionale. Ciò che rende il lavoro ancora più tecnico e minuzioso è l'utilizzo di dischi che andranno adoperati con la smerigliatrice angolare di tipo manuale. E per ottenere un risultato eccellente è consigliato inumidire la superficie di marmo prima di utilizzare gli strumenti di lavoro.
I tipi di dischi in vendita sul mercato sono veramente svariati, ma i più conosciuti e utilizzati da tutti i marmisti sono quelli di tipo lamellare, abrasivo, con velcro e in fibra, e soprattutto, i dischi, sono presenti di varie misure e dimensioni. I più diffusi ed utilizzati sono quelli in carta telata o in fibra, i dischi diamantati e quelli in resina o in carburo di silicio.
Vediamo le caratteristiche principali qui di seguito.

I dischi in carta telata o in fibra sono i più indicati quando ci si trova davanti a lavorazioni più particolari, come la levigazione di rilievi e di angoli. Questo perché la carta telata è molto più resistente a strappi o lacerazioni.
I dischi diamantati, grazie ai suoi grani di diamante, appunto, e polveri metalliche, si possono utilizzare per tagliare parti di marmo o comunque materiali molto solidi. Questa potenza è dovuta al numero di diamanti che rende il disco molto più abrasivo degli altri. Molti più diamanti sono presenti e molto più alta sarà la potenza del disco.
Per un lavoro più minuzioso e più indicato per la sbavatura del marmo, sono i dischi in resina o in carburo di silicio. Questo perché essendo materiali molto fragili e leggeri riescono a fare un lavoro ottimale senza danneggiare il marmo.

Dopo aver visto una carrellata di strumenti utili alla lavorazione e alla manutenzione del marmo, abbiamo compreso che questa pietra lavorata è di estrema delicatezza e di estrema bellezza, e necessita di un'attenzione particolare. Quindi bisognerà scegliere accuratamente gli strumenti utili alla sua levigazione e pulizia, proprio per non danneggiare il materiale.
Sulla base del lavoro che bisognerà fare sul marmo si dovrà scegliere il materiale più adatto, tra quelli descritti poco sopra. Ce ne sono per ogni esigenza, basterà scegliere accuratamente la misura dei dischi e il materiale per ottenere un risultato ottimo che farà risaltare la bellezza e l'imponenza del marmo.