Il granito costituisce uno di quei tipi di materiali tra i più pregevoli e si differenzia sia per il suo splendore sia per il fatto che è estremamente durevole.

Quando viene collocato ed usato per la pavimentazione o per altre strutture, il "granito" consente quella raffinatezza che non tutti i materiali riescono a dare.
Ciò nonostante col trascorrere del tempo la sua meravigliosa struttura comincia a schiarirsi, ad oscurarsi oppure a rovinarsi con eventuali graffi.
Ed è proprio per queste motivazioni che è importante lucidarlo regolarmente, appunto per rimettere in vigore la sua luminosità.
Ecco quindi i vari passaggi per riuscire ad effettuare una pulizia efficace ed approfondita.

Il modo più appropriato per lucidare il granito

Prima di tutto bisognerà reperire tutti i prodotti che solitamente utilizzano pure i marmisti professionisti.
Quindi si dovrà innanzitutto procurare l'indispensabile per poter eseguire un ottimo lavoro: serviranno la "pasta lucidante, con gli appositi feltri ed il trapano con la cuffietta" apposita.
L'intera estensione del "granito" deve essere ripulita mediante l'utilizzo di detergenti o sgrassatori appositi".
La "tela abrasiva" servirà per iniziare un principio di "lucidatura". Durante questa fase si potrà notare la formazione di uno strato sui toni del chiaro che non ci saranno più nel momento in cui sarà ultimata la "lucidatura".
Dopodiché si dovrà spargere su tutto il ripiano il prodotto lucidante come indicato dalle case produttrici.
Dopo questo lasso di tempo che può variare, si inizierà a toglierla attraverso un "panno telato" o cuffia d’agnello o feltro. Questo procedimento richiede un po’ di tempo e pazienza per avere un risultato uniforme.
Se poi si desidera ottenere un risultato ancora più strabiliante, allora si potrà ottenere mediante l'utilizzo di appositi prodotti che aumentano la brillantezza.

Metodi alternativi per pulire il granito

Si andrà prima di tutto a pulire tutta l'area con l'acqua ed appositi detergenti.  Questi detergenti prodessionali possono essere più o meno concentrati, pertanto è indispensabili diluire il prodotto come indicato nelle confezioni, per non avere inutili dispersioni di prodotto e antiestetiche macchie per l’eccedenza .Si dovrà poi passare col supporto di una "spugna" eseguendo dei movimenti di tipo circolare.
Questo impasto dovrà rimanervi almeno per una mezz'oretta. In seguito si andrà a passare prima un panno in "microfibra" bagnato e poi un altro che dovrà essere asciutto.
Per rendere il lavoro fatto ancora più resistente nel tempo, si possono applicare protettivi antimacchia, e prodotti a base di cere per un aspetto a specchio. Questo tipo di finitura è indicativa e caratarezzita dalla scelta del cliente finale. Spesso il lucido estremo, meno richiesto in Italia è invece la caratteristica principale delle lavorazioni in paesi esteri.

La lucidatura al "diamante"

Si deve tener presente che il granito ha un'origine "vulcanica".
E' importante sottolineare che è decisamente rilevante seguire delle norme particolari e precise per la sua "lucidatura".
Il modo di levigare classico si basa sulla rifinizione col "piombo" mediante temperature molto alte.
Mentre con la metodologia al "diamante" si usa la "polvere di zirconio".
Questa operazione è orma la più comunemente usata.
La "lucidatura" verrà fatta con l'ausilio di macchinari che hanno dei rulli o dei dischi lucidatori.
Pertanto prima di iniziare ci si dovrà assicurare che l'ambiente in questione debba essere totalmente libero.
Ciò invece che offre questa fantastica tecnica al "diamante" è quello di eseguire l'operazione di levigatura con delle macchine efficaci al massimo ma al contempo di peso minore.
Ne consegue che il lavoro si potrà svolgere molto più rapidamente ed in maniera approfondita e si potrà tranquillamente effettuare pure in ambientazioni con l'arredamento presente.

Considerazioni finali

Quando si decide di realizzare degli ambienti nella propria dimora con l'uso del "granito" si dovranno pure necessariamente valutare bene tutti i pro ed i contro riguardanti appunto questo genere di materiale.
Sicuramente la vostra dimora ne guadagnerà in bellezza e splendore grazie all'effetto sorprendente che suscita il "granito".
Ma si dovrà finanche esser consapevoli che ci si dovrà prendere cura della sua lucentezza, in maniera tale da poter conservare il suo sfarzo e la sua radiosità nonostante lo scorrere del tempo.
Ed impedendo pertanto al tempo che passa di intaccarlo andando poi a rovinare la sua fulgidezza iniziale.
Così potrete godervi questo "materiale" per tantissimo tempo e senza alcun problema, usando gli accorgimenti consigliati per poterlo lucidare magistralmente.